Mutui per non bancabili anche per liquidità

Siamo operativi in tutta Italia

Maturità 2022, le prove scritte sono già un caso. Resta solo il tema?


di Gianna Fregonara

Mutuo per non bancabile

La banca non ti concede il mutuo per acquistare l’immobile?

lo acquistiamo noi per te (pagamento dilazionato in 30 anni)

Siamo operativi in tutta Italia

Il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi annuncerà le modifiche entro fine novembre: «Finché non siamo usciti dal Covid i ragazzi vanno messi in totale sicurezza». Gli appelli pro e contro il ritorno alla Maturità con i due scritti

Il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi si è preso un «momento di riflessione». Ha chiesto agli uffici di fare delle simulazioni, sta facendo un giro di consultazioni e ha promesso che entro la fine del mese annuncerà come sarà la maturità 2022: sarà un esame ancora dell’era Covid, perché come ha detto a più ripresa «finché non siamo usciti dal Covid i ragazzi vanno messi in totale sicurezza». E’ però difficile, con le scuole aperte e le lezioni in presenza, giustificare un esame ridimensionato e ridotto senza le due prove scritte come si è fatto negli ultimi due anni, anche se l’incertezza sui contagi nei prossimi mesi mette ancora un’ipoteca anche sulla scuola. L’esame ridotto piacerebbe moltissimo agli studenti e anche ad una parte dei professori, tanto che una petizione su Change.org per abolire gli scritti ha già raggiunto la ragguardevole cifra di 40 mila sottoscrizioni.

Il dilemma degli scritti

Dunque, nonostante Bianchi abbia già lo scorso luglio stabilito la data dello scritto di italiano della Maturità 2022 per il 22 giugno, firmando l’ordinanza con il calendario dell’anno scolastico, l’esame di stato potrebbe essere di nuovo soltanto un Grande orale. Ma è vero che senza scritti, la Maturità rischia di essere bollata come un «esamino» da chi insiste per il ritorno alla normalità come per il resto delle attività. Bianchi insiste molto, già dalla scorsa estate, sulla completezza di un orale di un’ora diviso in quattro parti e con una «tesina» (l’elaborato che lui ha introdotto), l’analisi di un testo di letteratura e un focus sulla materia di indirizzo. Ma certo l’esame composto da tre prove (due scritti e un orale, ognuno assegna 20 dei 100 punti a disposizione) è altra cosa, ribattono coloro che vorrebbero un ritorno all’esame pre-Covid. Allo studio ci sono anche diverse vie intermedie. Bianchi, nonostante quello che era sembrato la scorsa estate, è orientato non a fare una vera e stabile riforma dell’esame di maturità ma soltanto a stabilire un modello per quest’anno: difficile fare una riforma senza una vera e propria discussione con il Parlamento, che dovrebbe approvarla tra l’altro, per cambiare un esame che era stato riformato appena prima del Covid. Molte richieste ci sono invece per avere ancora un esame leggero per i ragazzi che negli ultimi due anni sono stati in Dad. Ma per modificare temporaneamente l’esame rispetto a quello introdotto dalla legge 107 nel 2018 c’è bisogno comunque di un provvedimento legislativo. Basta un articolo, un emendamento, come del resto ha fatto lo scorso anno la ministra Lucia Azzolina che aveva fatto inserire nella legge di Bilancio una delega per poter modificare le prove di maturità con un’ordinanza ministeriale (che ha poi fatto Bianchi una volta subentrato al ministero). Inserire dunque la maturità nel Bilancio (o nel mille proroghe, che solitamente la segue a gennaio) è la via più sicura per far approvare al Parlamento la modifica dell’esame di Stato.

Mutuo per non bancabile

La banca non ti concede il mutuo per acquistare l’immobile?

lo acquistiamo noi per te (pagamento dilazionato in 30 anni)

Siamo operativi in tutta Italia

Il sì alla prova di italiano

Di fronte all’ipotesi del solo orale, anche se lungo e complesso, da qualche giorno è cominciata la mobilitazione di intellettuali, scrittori e persino i sindacati – Cgil e Cisl – per mantenere almeno la prima prova, quella di italiano. Sono invece voci isolate a difendere la seconda più ostica prova, quella della materia di indirizzo. Ma non è chiaro, nel caso in cui si svolga la prova di italiano, quali ragioni sanitarie o di sicurezza impediscano la seconda prova, che è anche generalmente un po’ più corta. Unico motivo sul quale si discute per non farla sono i dubbi sulla Dad, che ha limitato la preparazione degli studenti e li ha stressati.

La commissione

Le modifiche all’esame potrebbero riguardare anche altri dettagli non insignificanti della maturità. E’ quasi scontato che le commissioni siano composte da membri interni, con il solo presidente esterno come negli ultimi due anni. Un aiuto non indifferente per i maturandi che saranno giudicati dai loro prof, un risparmio per il bilancio dello Stato che non deve spostare in giro per le province migliaia di persone. Difficile che non si facciano le prove Invalsi, recentemente difese da Bianchi in un convegno della Cgil: non contano comunque ai fini del voto. C’è poi il problema della valutazione, nel caso di modifiche all’impianto ordinario Se viene meno la prova di indirizzo, i 20 punti andranno ridistribuiti tra l’orale e il curriculum. Ma per questi dettagli c’è ancora tempo. Quel che è certo è che, a parte la preoccupazione del ministro per lo stress e la preparazione dei ragazzi e delle ragazze dopo quasi due anni di Dad, gli esami light hanno dimostrato di poter garantire voti più alti (sono aumentate le lodi e anche i 100/100 rispetto all’esame tradizionale).

12 novembre 2021 (modifica il 12 novembre 2021 | 09:38)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Source

“https://www.corriere.it/scuola/secondaria/21_novembre_12/maturita-2022-prove-scritte-sono-gia-caso-come-sara-l-esame-4803982e-42d6-11ec-84b2-370e2b694419.shtml”
Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

Mutui anche per liquidità

Siamo operativi in tutta Italia

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Bonus e agevolazioni

Siamo operativi in tutta Italia

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui