Mutui per non bancabili anche per liquidità

Siamo operativi in tutta Italia

P2P: Cos’è e come funzionano i pagamenti p2p con l’app Postepay

Mutui anche per liquidità

Siamo operativi in tutta Italia

Cos’è la tecnologia p2p (peer to peer)

P2P è una tecnologia informatica che permette ad un qualsiasi dispositivo (computer o cellulare, ad esempio) di fungere non sono da “client” ma anche da “server”, ovvero c’è un potere centralizzato da cui parte l’informazione, che può essere conservata e condivisa allo stesso modo da tutti i “client” (ad esempio il tuo cellulare).

Come è cambiato in Italia il quadro normativo dei pagamenti digitali verso la PA?

L’esempio più facile per capie il meccanismo è quello di emule o torrent, programmi che servono per scaricare online canzoni, film e altri file. con questi strumenti si accede ad una rete di computer che conservano e mettono in condivisione sulla rete i loro file)

Allo stesso modo, o in modo molto simile, funzionano i p2p payments (person to person payments).

Mutui anche per liquidità

Siamo operativi in tutta Italia

Che cosa sono i pagamenti p2p

I pagamenti person to person (p2p payments) sono una tecnologia online che permette agli utenti di trasferire fondi dal proprio conto bancario o carta di credito al conto di un altro individuo attraverso tecnologie quali internet o il cellulare.

Invio denaro p2p: come funzionano i pagamenti p2p

in un caso si da fiducia ad una terza parte (ad esempio paypal, o la app postepay) per conservare i dati della propria carta di credito o del proprio conto e autorizzare la terza parte a trasferire fondi da e verso quel conto con altri individui che appartengono allo stesso network.

in alternativa l’individuo può utilizzre il proprio conto in banca online o l’app del proprio istituto finanziario per inviare dei fondi ad un altro conto bancario. In questo caso non è necessario che chi riceve i soldi faccia parte dello stesso network (banca o istituto finanziario) del mittente.

L’accresciuta accettazione da parte dei consumatori dell’online banking, del mobile banking e dell’e-commerce ha spianato la strada a un maggiore uso dei pagamenti p2p (person 2 person). Dopo PayPal che ha dominato il mercato per anni, le principali banche e società di carte di credito stanno finalmente entrando nel gioco.

Mutuo per non bancabile

La banca non ti concede il mutuo per acquistare l’immobile?

lo acquistiamo noi per te (pagamento dilazionato in 30 anni)

Siamo operativi in tutta Italia

È un passo importante per le banche e le società di carte di credito poiché il commercio evolve al di là della relazione da individuo a commerciante a uno scambio più ampio, da individuo a individuo.

L’app p2p postepay per i pagamenti peer 2 peer

Un’interfaccia nuova e nuove funzionalità: il cambiamento e la trasformazione digitale di Poste Italiane passano anche attraverso la nuova app Postepay. Gestione in mobilità della propria carta, pagamenti semplici e sicuri e invio di denaro P2P le funzione della nuova soluzione lanciata dal Gruppo. La nuova app è già stata scaricata 3 milioni e 200mila utenti.

Sono state inserite funzionalità innovative che attingono alle tecnologie dei social network e alle soluzioni più avanzate nell’ambito della sicurezza. Un sistema che cambierà i pagamenti e i micropagamenti tra i 13 milioni di clienti che utilizzano una Postepay che è la prepagata più diffusa in Italia (il 70% del mercato).

1. invia denaro p2p postepay: come fare

Il punto di forza della nuova app Postepay, spiega la società guidata da Francesco Caio, “sono i pagamenti in modalità P2P, da Postepay a Postepay, che permettono di inviare e richiedere denaro in tempo reale a tutti i contatti della rubrica telefonica che hanno una carta Postepay e l’app e di disporre immediatamente del denaro transato”. Inoltre, per i pagamenti sotto i 25 euro, non sono previste commissioni di trasferimento. Questa modalità “è pensata in logica di community, per lo scambio di denaro tra persone come per esempio in caso di regali tra amici o piccoli pagamenti per dividersi il costo del pranzo o della cena”.

2. p2p postepay come funziona

La caratteristica distintiva sta anche nella duplice possibilità di accesso: oltre al classico inserimento di username e password, il login può essere effettuato con il numero di telefono associato alla Postepay. Il design dell’applicazione offre una vista completa su tutte le carte Postepay possedute attraverso una visualizzazione immediata del saldo e degli ultimi movimenti.

Inclusa nell’app anche la funzione “Cerca Ufficio Postale” per trovare lo sportello di Poste Italiane e l’Atm Postamat più vicino. In più i possessori di carta Postepay Evolution, la prepagata di Poste Italiane dotata di Iban, possono anche effettuare bonifici e postagiro sempre da app.

3. costi della p2p postepay: quanto costa l’invio di denaro

Il costo per inviare denaro tra postepay (ovvero da una postepay ad un’altra postepay) è di 1 € (1 euro). Lo stesso costo si applica per i bollettini del bollo auto per pagare la tassa automobilistica. Anche in questo caso il costo del pagamento p2p con postepay sarà di 1 euro.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Source

“https://www.corrierecomunicazioni.it/finance/e-payment/poste-lancia-l-app-postepay-via-ai-pagamenti-p2p/”
Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Dilazione pagamenti e agevolazioni fiscali

Siamo operativi in tutta Italia

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui