Stellantis si allea con Samsung Sdi per la produzione di batterie in Nord America


Salva Casa

Acquistiamo il tuo immobile, con il ricavato estingui i debiti rimani nella tua casa e la paghi in 30 anni.

Siamo operativi in tutta Italia

Il gruppo nato dalla fusione fra Fca e Psa raddoppia sulla strada dell’elettrificazione

teodoro chiarelli 22 Ottobre 2021

Stellantis raddoppia sulla strada dell’elettrificazione in Nord America. Dopo l’accordo siglato il 18 ottobre con Lg Energy, si allea con un altro colosso coreano: Samsung Sdi. Il gruppo nato dalla fusione fra Fca e Psa ha stipulato con l’azienda di Seul un protocollo d’intesa per la creazione di una joint venture mirata alla produzione di celle e moduli batteria per gli Usa, il Canada e il Messico. Il nuovo impianto di batterie, il cui avvio è previsto per il 2025, mira ad avere inizialmente una capacità di produzione annuale di 23 gigawattora, con la possibilità di portarla fino a 40 gigawattora in futuro.

«Con i prossimi impianti di batterie che apriranno i battenti a breve – commenta l’amministratore delegato di Stellantis, Carlos Tavares – saremo ben posizionati per competere e infine conquistare il mercato nordamericano dei veicoli elettrici». Il ceo di origine portoghese rimarca la scelta di diversificare le alleanze. «La nostra strategia di collaborazione con partner altamente qualificati – aggiunge – migliora la velocità e l’agilità, caratteristiche necessarie per progettare e realizzare veicoli sicuri, accessibili e sostenibili, in grado di soddisfare nel dettaglio le esigenze dei clienti».

Bonus e agevolazioni

Siamo operativi in tutta Italia

Gli impianti di produzione soddisferanno la domanda di batterie degli stabilimenti di assemblaggio Stellantis in Nord America per l’installazione sui veicoli elettrici di prossima generazione, che vanno dagli ibridi plug-in ai veicoli full electric a batteria, venduti nell’ambito del portfolio di marchi Stellantis. Il gruppo presieduto da John Elkann, quarto nella hit parade mondiale dell’automotive, prevede di investire oltre 30 miliardi di euro entro il 2025 nell’elettrificazione e nello sviluppo software, puntando a mantenere il 30% di efficienza in più rispetto alla media del settore nel rapporto tra la spesa totale di R&S e in conto capitale rispetto ai ricavi.

L’ubicazione della nuova struttura è attualmente in fase di analisi e ulteriori dettagli saranno resi noti successivamente.

Soddisfatto anche il presidente e ceo di Samsund Sdi, Young-hyun Jun. «Siamo onorati di dare vita a una joint venture dedicata alla produzione di batterie con Stellantis, azienda che sta accelerando la sua strategia di elettrificazione in quest’era votata all’energia green. Con questa joint venture, faremo tutto il possibile per soddisfare gli elevati standard dei nostri clienti nel mercato nordamericano dei veicoli elettrici, sfruttando la tecnologia delle batterie, i prodotti di elevata qualità e le misure di sicurezza di Samsung Sdi».

Source

“https://ilpiccolo.gelocal.it/italia-mondo/economia/2021/10/22/news/stellantis-si-allea-con-samsung-sdi-per-la-produzione-di-batterie-in-nord-america-1.40837712”
Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

Bonus e agevolazioni

Siamo operativi in tutta Italia

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Dilazione pagamenti e agevolazioni fiscali

Siamo operativi in tutta Italia

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui